Serata in maschera in discoteca

leggo i manifesti di una serata in maschera in una discoteca nel centro storico e decido di partecipare anche se avevo il timore dei carruggi di sera . decido di mascherarmi da donna giapponese facile da trovare l'occorrente sapevo di una mia amica che era stata in giappone e ne aveva portati alcuni la contatto subito e gli chiedo se mi impresta un chimono spiegandogli della festa mascherata , mi disse : certo che te la impresto ma vengo anche io solo che ti devi procurare la parrucca. anche quella fu facile da trovare. la sera della festa venne a casa mia con il chimono la mia amica e li mi aiuto a vestirmi mi fece depilare e mi trucco alla giapponese forse un pò troppo marcato ma sembravo proprio una zoccola nipponica, ci avviammo all'entrata della discoteca e entrammo gratuitamente perchè donne quando siamo entrati dentro lei mi disse ci vediamo a fine festa e mi salutò baciandomi. cercai un posto a sedere in una zona un p'ò buia e mentre guardavo in giro notai due mulatte favolose con due minigonne mozzafiato due seni da favola e due piccole mascherine, veramente due donne bellissime e vennero al mio tavolo tutte sorridenti le salutai con voce un po rauca facendo finta di avere un po di raucedine . dopo i primi convenevoli andammo tutti e tre in pista a ballare poi una di loro disse che si stava annoiando
e che la festa non era un gran che e se volevo potevo andare con loro a finire la serata in casa loro. decisi
di accettare uscimmo dalla discoteca e entrammo in un portone a pochi passi neanche il tempo di entrare che già le avevo addosso mi baciavano da tutte le parti e ridevano continuamente si spogliarono e rimasero solo con dei slippini poi mi spogliarono completamente ma mi accorsi che non rimasero stupite di vedere uomo la cosa non mi preoccupò anzi mi fece felice.spensero la luce e rimase acceso una piccola bajur con luce fioca una me lo prese in bocca e cominciò a spompinarmi per bene e l'altra si tolse le mutandine e venne col culo sopra la mia faccia sentii un'arnese semiduro all'altezza della mia bocca cercai di svincolarmi ma le sue ginocchia mi stringevano il collo poi mi disse dai che ti piacerà mi tappò il naso con due dita mi fece aprire la bocca e me lo ficco quasi tutto fino alla gola un cazzo che non finiva mai poi incominciò piano piano a scoparmi in bocca a quel punto sborrai in bocca di quella che pensavo fosse donna, non se ne perse nemmeno una goccia poi mi fece girare e mi lecco il buchetto e mentre mi leccava sentivo il buco dilatarsi sempre di più sentii che una disse ora è pronto si cambiarono di posto e sentii un'altro cazzo duro che mi entrava tutto in bocca sentii la cappella dell'alto che mi puntava il buco e mi irrigidii allora mi sputò la sua saliva e piano piano infilò prima un dito andando avanti e indietro facendomi rilassare poi un'altro dito infine sentii la sua lingua tutta nel mio culo e mugolai di piacere. fu un'attimo levò la lingua mi appoggiò la cappella e con un colpo secco me lo infilò tutto sentivo i suoi coglioni vicino hai miei poi con colpetti non troppo forti mi stantuffò per alcuni minuti sentendo il piacere a quel punto mi inculò sempre più forte facendomi provare dolore e piacere e mi sborro tutto nel culo lo levò e si fece ripulire dalla mia bocca pensai fosse finita ma l'altra disse ora tocca a me e senza tanti preamboli si sputò sulla mano e la strofinò sulla cappella e mi inculò con violenza urlai dal dolore era enorme non finiva mai e mi inculava sempre più forte poi di tanto in tanto si fermava, credo non volesse venire subito ,andò avanti per parecchio intanto il dolore si trasformava in piacere tanto che sborrai nuovamente una rideva e l'altra godeva come una porca dicendomi vedi che ti piace troia giapponese
finalmente sentii un getto caldo nel culo sembrava un clistere sborro come un cavallo anche lei si fece ripulire con la mia lingua. mi misi a sedere e chiesi un drync una si alzò e andò in cucina e quando tornò era insieme a un'uomo di colore un vero armadio dicendomi te lo do io il drinc apri la patta dei pantaloni e me lo ficco in bocca pochi minuti e mi riempi la bocca di sborra dicendomi tria ti è piaciuto il mio cocteil. mi rivestii e andai a recuperare la mia amica mi disse io lo preso nel culo da due negri mi brucia che non posso stare seduta da come erano grossi e a te come è andata? gli risposi ridendo a denti stretti dal dolore io ho finito la serata con un cocteil............

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!