Lesbo Show

Abito in un piccolo appartamento di una grossa casa popolare, in una periferia degradata, uno di quei posti che ogni tanto fanno vedere alla televisione, nei servizi del telegiornale, dove l’argomento è il disagio giovanile. Ho trentacinque anni e due figlio di otto e dieci. Mio marito ci ha abbandonati per correre dietro ad una di venti, e ora non so nemmeno dove vive, cosa combina. I primi tempi è stata dura, e appena finiti i pochi soldi che ci aveva lasciato, non sapevo dove sbattere il capo per sbarcare il lunario. Per fortuna, vista la situazione fuori casa non ci hanno buttato, però dover far fronte alle bollette, alla spesa per mangiare, per qualche vestito, stava diventando un impresa disperata. Poi ho iniziato a fare marchette, insomma, a darla per denaro. E’ iniziato cosi per caso con il tecnico della lavatrice, a cui dovevo cento euro per la riparazione. Non sapendo come fare, e avendo lui compreso la situazione, mi ha fatto capire che se ero disposta, avrebbe saldato lui la fattura. I bimbi erano a scuola e mi sono fatta scopare in camera da letto, senza stare a pensarci troppo. Devo dire che mi è anche piaciuto, il ragazzo era giovane e ben dotato, e non mi ha nemmeno fatto mancare quelle attenzioni che spesso erano tabù per mio marito. Gli ho detto che se avesse voluto, per la stessa cifra lo poteva rifare tutte le volte che voleva. E’ ancora mio cliente e viene quasi tutte le settimane. Poi è stata la volta del panettiere, con il quale ho prima azzerato il conto dei pagherò che avevo lasciato, ed ora è lui che mi paga. Poi hanno girato la voce a qualche amico, e ora ho una trentina di clienti fissi, con a volte due, o tre incontri giornalieri. Lavoro solo di mattina, un po’ perché i bambini sono a scuola, e anche per il fatto che il caseggiato è meno frequentato, le donne sono a fare la spesa, i mariti al lavoro, i ragazzi a scuola. Non che ci siano particolari problemi, perché un certo via vai comunque è normale, so di un tizio che spaccia al secondo piano, e mi hanno detto di un paio di appartamenti agli ultimi, che hanno subaffittato e delle vere escort di professione. Ho anche un tariffario, che applico a tutti uguale. Cinquanta euro per un pompino, ottanta per scopare, e centocinquanta per il servizio completo. Molti, vista forse la crisi si fanno fare solo un pompino, e la cosa alla fin fine non mi dispiace. Mi spoglio e gliela faccio toccare mentre lo succhio, di solito non ci mettono molto a venire, e risparmio anche il preservativo. Uno solo vuole il servizio completo. E’ un tizio che mi ha presentato il panettiere, il suo ragioniere, o commercialista, non ho ben capito. Viene tutte le settimane, sempre di mercoledi. Tengo tutta la mattina riservata solo per lui, perché ultimamente ha preso l’abitudine di voler sborrare due volte, e mi dà trecento euro. Nonostante sia sulla cinquantina è bello vigoroso, e ha un bel cazzo grosso e duro. Prima lo spompino per un po’ e poi quando sento che mi sono bagnata lo faccio scopare cercando di non farlo venire. Poi me lo mette nel culo che in precedenza ho ben lubrificato con un unguento che mi ha regalato il farmacista. Di solito godiamo insieme con lui che ansima e sbuffa e io che strillo come una vera troia. La seconda che facciamo, dopo avere un po’ scopato, vuole che mi tocco, e poi si sega sborrandomi sulle tette. Ormai vado avanti da qualche mese, ho saldato tutti i debiti, pagato le bollette arretrate, comprato qualche vestito nuovo nel minimarket del cinese. Anche i miei figli non vanno più in giro come degli straccioni, e sono anche riuscita a mettere da parte qualche soldino. Sto iniziando a pensare a come fare quando finiranno le scuole, cosa inventare per avere casa libera la mattina. Un pomeriggio sento suonare il campanello dell’uscio di casa. Non aspetto nessuno, ma prima di aprire guardo dallo spioncino. C’è una donna che riconosco come la mia vicina di casa, occupa un appartamento in fondo al corridoio, dall’altra parte della scala. Chiedo chi è e mi risponde “la vicina, ti vorrei parlare” Le apro e la faccio entrare. E’ una ragazza sulla trentina, non molto alta, con dei capelli stoppacciosi, che da mesi non vedono la parrucchiera. Indossa una sorta di pigiama comprato dal cinese, con ai piedi delle pantofole a forma di coniglio. Non sarebbe nemmeno brutta ma ha il sex appeal di una lumaca. La faccio sedere e per metterla a suo agio le offro un caffè che non rifiuta. E’ la prima volta che la osservo da vicino, ci eravamo solo e sempre intraviste di sfuggita, e come tutti qui del resto, nessuno fa caso al vicinato. Mi sto chiedendo cosa mai possa volere, quando inizia a parlare. Inizia a dirmi di un marito che la lascia sempre sola, sempre fuori per lavoro, di non avere amiche, non conoscere nessuno. Si sono trasferiti da qualche mese da un'altra città del sud, di avere molto tempo libero e di non sapere come fare per riempirlo. Poi prendendo probabilmente il coraggio con due mani, mi dice di aver capito cosa faccio alla mattina, di aver visto sempre i soliti che vengono a trovarmi, di aver origliato dietro alla porta, di sapere che mi pagano, e che con quel lavoro ci campo. Sto per incavolarmi e buttarla fuori, ma lei forse pronta a questa mia reazione mi precede, dicendomi che non è qui per ricattarmi, o per fare delle morali, ma perché vorrebbe che la prendessi con lei a lavorare, che la introducessi nel mestiere. Resto basita e senza parole. Il mio cervello inizia a lavorare e a analizzare la situazione. Se la caccio magari questa inizia a farlo per conto suo, e mi porta via qualche cliente, oppure combina qualche casino e ci sgamano tutte e due. D’altronde se la inserisco nel mio giro, dovremo allargare la clientela, oppure potrei fare la cresta su quello che lei guadagna, ma si rischia una condanna per sfruttamento della prostituzione, e non so se ho voglia di correre questo rischio. Poi mi viene in mente che potremmo fare qualcosa di diverso, magari proporre a qualcuno dei miei clienti, la fantasia di farlo con due donne insieme. Che poi è il sogno nel cassetto di qualunque maschio arrapato. Glielo propongo e le vedo illuminarsi il viso. “Davvero lo faresti”? è la domanda che mi sento fare. Si ma amore, non ti puoi presentare combinata cosi di fronte a qualcuno che ti vuole trombare. Domani pomeriggio alle tre vengo a casa tua con un po’ di biancheria giusta da provare, intanto tu domattina vatti a far sistemare quei capelli che cosi non ti si può vedere, e poi vedrò di spargere un po’ la voce e vediamo che succede. Il giorno dopo alle tre meno cinque le suono il campanello e lei mi viene ad aprire. Ha sempre indosso il pigiama floreale del giorno prima, ma ha sistemato l’acconciatura. Sicuramente è andata in quel bugigattolo aperto da una cinese, per spendere poco. Ma ha un passabile taglio a caschetto, e con la piastra le ha fatto una bella lisciatura. Mi offre un caffè per non sentirsi inferiore, e mentre lo sorseggiamo mi guarda con fare indagatore, curiosa di quello che dovrà provare. Le dico di togliersi il pigiamone, che la voglio vedere com’è fatta, cosi tanto per capire. Se lo toglie e resta con una mutanda di cotone bianco, e un reggiseno pure quello bianco, sembra la biancheria di una ragazzina, di una studentessa delle medie inferiori. Porca miseria, non si depila…… Sotto alle ascelle ha due bei ciuffi neri, e il pelo pubico le scappa fuori dalle mutande scuro e arruffato,e risale più rado e sottile fin quasi all’ombelico. Anche sulle gambe ha una sottile peluria, che appena si intravede. Resto a guardarla un po’ stupita, e dopo un primo istante in cui disapprovo, mi sembra invece che sia conturbante, che emani uno strano fascino misto di innocenza e tempi andati. Pensavo di farti indossare qualche capo un po’ più da troia, ma quest’aria da ragazze alle prime armi che hai con tutto questo pelo e l’intimo da liceale mi piace, penso che possa arrapare. Allora sentendo questa frase si allontana e dopo un paio di minuti ritorna, con indosso un paio di mutande bianche a fiorellini, alte quasi all’ombelico, e una canottierina sempre con lo stesso disegno. E’ roba che le sta stretta, forse di quando era ragazzina. Però cosi è ancora più intrigante, e mi viene voglia di toccarla, di annusarle quella figa pelosa. Le dico che cosi è perfetta, che quello dovrà indossare. Un giorno prima le farò sapere, e di non presentarsi con la testa che sembra uscita da un viaggio in una lavastoviglie, ma di andare dalla parrucchiera. Spargo la voce tra i clienti. Alcuni sono possibilisti, altri spaventati dalla tariffa che presumono sarà almeno raddoppiata. Uno invece è subito entusiasta, il ragioniere, che vuole fissare un incontro per il mercoledi a venire. Dice che ci vorrà vedere mentre lo facciamo che lui sarà soltanto spettatore, e che se saremo brave, ci ricompenserà a dovere. Il pomeriggio stesso le suono il campanello, mi apre, mi fa entrare, e le dico che ci sarebbe uno che ci vuol vedere mentre scopiamo, che è il mio cliente migliore, e se saremo brave , ci sarà un bel guadagno. Per la prima volta messa di fronte al fatto compiuto la vedo spaventata, timorosa di non essere all’altezza della situazione. Mi dice che con una donna non c’è mai andata, e di non sapere bene cosa fare. Non le posso confessare il fatto che anche per me sarebbe la prima volta, ma ormai in fatto di troiaggine inizio ad avere una certa esperienza, e so quello che si dovrà fare. Ripenso a tutto quel pelo che ho intravisto e mi ritorna la voglia di infilarci il naso. Le dico che dobbiamo provare a farlo, che la devo “sverginare”. Domani pomeriggio i ragazzi vanno alla gita scolastica, e sono sola. Dopo le due vieni che avremo tutto il tempo per scopare in santa pace. Alle due e un quarto suona il campanello e vado ad aprire. La faccio entrare. Ha i capelli appena sistemati, si vede che la mattina è andata dalla cinese. Indossa un abitino corto, che la fascia, e le mette in risalto il poco culo e le tette. Ha dei collant color carne, e delle scarpine basse tipo ballerina. Devo dire che si è ben calata nella parte della liceale. “Vado bene cosi”? le sento dire…… Vai benissimo, amore ora andiamo di là che vediamo cosa riusciamo a combinare. La scorto in camera da letto, dove ho acceso una lampada oscurata, quella che uso con i clienti per creare l’atmosfera, e mi tolgo la vestaglia. Sotto sono vestita da vera troia, con il reggicalze, un body nero tutto ricamato, perizoma trasparente e guepierre di pizzo. Lei mi guarda stralunata, e poi si sfila il vestitino, restando con il collant e il completino di cotone che indossava l’altra volta a casa sua. Con una spinta la butto sul letto e poi le salto addosso. Le caccio la lingua in bocca, che lei per un istante tiene serrata, ma che poi apre e mi lascia entrare, mettendo a sua volta in azione la propria. E’ una vita che non limono con qualcuno, dai clienti non mi faccio mai baciare. Poi non resisto e le infilo una mano sotto al collant nelle mutande, per sentire quella matassa di pelo che da qualche giorno tormenta i miei pensieri. Tempo cinque minuti e siamo entrambe nude. Devo dire che dopo un inizio un po’ timido ed impacciato si è sciolta, e ci sa parecchio fare. Mi sussurra che il marito sono mesi che non la tromba e che ha una voglia arretrata che la fa impazzire. Mi dice di come si sia ormai scorticata la fica a forza di sfregarsi con le dita, ogni volta che va in bagno, tutte le volte che sente qualcuno entrare in casa mia, al pensiero di qualcuno che mi scopa, e che mi faccio anche pagare. Allora mi si tappa la vena, e mi avvento su quel ciuffo peloso, la voglio mangiare, sentire il sapore di quei peli bagnati, masticarli con i denti, strizzarle il clitoride fino a sentirla gridare. Se ne è andata a preparare la cena per il marito. Sto scaldando nel micro onde dei bastoncini di pesce, mentre cuocio le patate nella friggitrice. I ragazzi vanno matti per queste schifezze. Mi brucia la passera. Dopo che l’ho fatta venire mi ha leccata per un ora, e me l’ha pure morsa, non forte, ma con quella giusta misura, che invece di far male, ti fa solo godere. Sono venuta almeno tre volte, e ora mi sembra di aver fatto la maratona di New York, tanto sono spossata. Se mi avessero detto che quella stupidotta era in grado di mettermi a ko con una leccata non ci avrei mai creduto. E invece è tutto vero. Il ragioniere se ne è appena andato. Ci ha dato cinquecento euro, e ha detto che in vita sua non si era mai divertito cosi tanto. Alla fine non ha resistito e dopo un ora che si godeva lo spettacolo, si è buttato in mezzo a noi, e lo abbiamo spompinato in due. Sono bastate poche succhiate e un paio di leccate e ha schizzato come un maiale, talmente era eccitato. Pensavo gli venisse un infarto. Ha detto che qui siamo sprecate, che meritiamo palcoscenici più importanti e che ci farà sapere. Quella troietta della mia vicina non era ancora venuta, e ho dovuto leccarla per un'altra mezz’ora, rischiando che arrivassero i miei figli e ci trovassero nude nel letto, mentre ce la leccavamo. C’è mancato un pelo……….

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!