• Pubblicata il:
  • Autore: PATATINA
  • Categoria: Racconti bisex
  • Pubblicata il:
  • Autore: PATATINA
  • Categoria: Racconti bisex

BISEX... CHE FATICA! - parte 4

BISEX... CHE FATICA! - parte 4

Terminata la ricreazione a base di prosecco e pasticcini, mi stuzzicava l'idea di essere montata da dietro da due cazzi diversi, così ho proposto di ricominciare con una nuova pecorina per farmi cavalcare anche da Lucio. Dopo due penetrazioni, non servivano preliminari, la fica era ancora bella rossa e dilatata. Gli ho preso in bocca l'uccello che è diventato duro in un batter d'occhio e poi me lo sono schiaffata dentro con ingordigia. Osservando la scena, anche Massimo ha avuto un'erezione e si è messo di fronte a me per farselo succhiare. Mi è ritornata in mente la solita frase: "Mi piacerebbe tanto vederti scopare con un bisessuale che forse dopo scoperà anche me. Mi chiedo cosa faresti col mio cazzo in bocca mentre lui ti scopa da dietro e...". Non era più una fantasia, stava accadendo veramente!
Mentre Lucio mi montava, Massimo si faceva spompinare. Era una sensazione stupenda e nuova per me. Mi sentivo doppiamente troia e, ben presto, le spinte da dietro mi hanno fatto godere. Ho staccanto la bocca per urlare di piacere continuando con una mano, quasi subito il mio ragazzo mi ha spinto la testa ancora sul suo cazzo e, poco dopo, ha sborrato come un cammello. Lucio invece continuava imperterrito.
Allora Massimo ha preso dal comodino un tubetto di gel lubrificante, se l'è spalmato in culo e si è messo a pecora di fianco a me. Il resistente Lucio ha capito l'antifona, ha sfilato il cazzo dalla mia fica esausta e l'ha inculato per 10 minuti. Sono venuti tutti e due come porci mentre io, distesa, assistevo incredula alla scena.
Da quella sera in poi, ho sognato spesso Lucio, immaginavo di scopare con lui e
il livello di quella relazione a tre mi spaventava. Ero sicura e non avevo alcun dubbio di amare profondamente Massimo, ma adesso provavo un sentimento simile verso Lucio. Se non fossero diventati amici e pseudo-amanti, avrei potuto gestirli separatamente, incontrandoli di nascosto e scopazzando un po' di qua e un po' di là. Invece non era così, e la colpa era anche mia, che avevo incoraggiato questo triangolo pericoloso. Ero confusa: potevo amare contemporaneamente due uomini sia col cuore che con la figa?
Venerdì ore 10.15. Massimo era lontano per lavoro e io ero a letto con Lucio. Mi stava baciando e scopando per l'ennesima volta mentre io grugnivo. Era il suo cazzo, e non quello del mio compagno, a farmi godere come una vacca.
Non sono stata sorpresa quando è squillato il cellulare. Era Massimo che mi avvisava che sarebbe arrivato nel pomeriggio, ho fatto finta di niente, ma mi sentivo in colpa. Non è facile parlare al telefono col tuo ragazzo con l'uccello di un altro dentro la fica. Aiuto!

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!