• Pubblicata il:
  • Autore: Sasha
  • Categoria: Racconti gay
  • Pubblicata il:
  • Autore: Sasha
  • Categoria: Racconti gay

La mia prima volta

Da sempre, fin da ragazzo amavo travestirmi da donna e infilarmi qualsiasi cosa che fosse lunga e dura.
Ma non mi considero un gay visto che mi piacciono le donne e solo occasionalmente, quando i miei ormoni impazziscono, amo essere totalmente passivo. Anzi in quei casi direi PASSIVA.
Quell'anno andai ad una festa di carnevale organizzata da un gruppo che faceva varie attività all'interno dell'ambiente universitario.
Io avevo 23/24 anni e decisi di andare con degli amici che poi all'ultimo cambiarono idea. Io invece andai lo stesso anche perché la mia compagnia aveva organizzato altro e non volevo fare la figura di quello che era rimasto " a piedi"
Mi travestii da donna, mi piaceva farlo in privato e quale miglior occasione per farlo in pubblico!
Alla festa c'erano moltissime persone e pur non conoscendo nessuno ero comunque contento di essere lì.
Subito mi feci un paio di drink e li, al bancone del bar, conobbi un tipo vestito da pirata il quale mi offri da bere alludendo al fatto che ero una bella donna. Era un tipo decisamente alto e grosso e pur essendo non iniziata da molto la festa mi sembrava già un alticcio in fatto di bere!
Disse "posso offrire da bere a questa bellissima ragazza Accettai di bere con lui e finita la consumazione mi salutò e andò via con dei suoi amici.
Dopo un po' mi ribeccò in giro per la festa e mi prese per mano riportandomi al bancone per offrirmi di nuovo da bere.
Scambiammo due parole, non molte per la verità: un po' per la musica alta e un po' perché sia io ma soprattutto lui cominciavamo a sentire l'effetto di ciò che avevamo bevuto.
A quel punto il tipo si appiccicò a me, inizialmente in modo del tutto amichevole senza assolutamente alludere a nulla di, diciamo, sessuale.
Facemmo un paio di balli di gruppo insieme, poi ci sedemmo un po' nei divanetti. Poi riprendemmo a ballare. Insomma la serata procedeva. E nel procedere lui si stava facendo sempre un po' più insistente nel dire che ero una bella ragazza, che lui era un bel pirata......
Poi, durante un ballo lui mi strinse un po' più verso di lui stringendomi le chiappe con le sue manone.
Da quel momento il suo corpo lo avevo sempre addosso a strusciarsi.
Eppure, la cosa non mi infastidiva e lui di sicuro lo capìì.
Era ovvio che cominciavo a chiedermi dove volesse arrivare e che forse dovevo a quel punto dire basta. Ma mi stavo divertendo probabilmente un po' era colpa di quello che avevo bevuto ma in effetti sotto sotto c'era la voglia di essere trattata come una donna.
Erano un paio d'ore che ormai lui si era appiccicato a me, e io a lui, cominciò a farmi proposte.
Andiamo in bagno, andiamo fuori, andiamo in macchina.......
Poi dopo l'ennesimo drink, si sedette sul divanetto e mi fece sedere sulle sue ginocchia.
Quindi mi prese la mia mano e la spostò sul suo uccello....che era decisamente in erezione.
"senti com'è duro" mi disse, "non ti va di vederlo....solo guardarlo"
"andiamo in macchina e ti guardi il mio cazzo e mi fai vedere come stai con le autoreggenti senza gonna"
Beh.....circa mezz'ora dopo eravamo in auto, fermi in un posto appartato.
E...per la prima volta guardavo un cazzo duro per me!
Mi tolsi la gonna, come avevo promesso e rimasi in mutandine e autoreggenti. Lui rimase felicemente sorpreso quando notò che anche le mutandine che indossavo erano femminili.
"dai prendilo in mano"......
Allungai la mia mano...ero eccitata.....
Cominciai a masturbarlo e poi, eh si, lo presi in bocca
Il mio primo pompino.
Ma poteva finire così?
Ero eccitata, vogliosa e ubriaca, scusate se mi metto al femminile ma in quel momento ero donna
Non fini cosi...il suo dito era nel mio culetto e poi mi chiese di girarmi, mettermi comoda e me lo infilò, piano piano, dentro.
Ero vestita da donna, avevo un cazzo vero infilato dentro.....cominciai a sborrare.
Il mio cazzo era moscio ma cominciò come a sbrodolare e sentivo una sensazione stranissima di goduria che mi procurava quel cazzone.
Poi lo tirò fuori, tolse il preservativo e me lo infilò in bocca.
E provai anche di cosa sapeva la sborra di un uomo

Vota la storia:




31/08/2016 14:33

sasha17

Nessun tentativo di nascondere nulla. Semplicemente non lo avevo mai fatto prima. E comunque ci sono i gay e ci sono i bisex. Ognuno le sue scelte

26/08/2016 17:23

piol

Tentativo patetico di mascherare la tua omosessualita, e non c è niente da vergognarsi!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!