• Pubblicata il:
  • Autore: Andreas
  • Categoria: Racconti gay
  • Pubblicata il:
  • Autore: Andreas
  • Categoria: Racconti gay

LA MIA PRIMA VOLTA GAY CON LE TRANS

Siccome i miei erano seccati perché oramai non facevo più esami all’università, decisero di mandarmi in città a studiare presso la facoltà, così (secondo loro) avrei avuto meno distrazioni. Cercai una camera leggendo gli avvisi nelle bacheche, trovai 2 ragazze che non disdegnavano di dividere l’appartamento con un ragazzo Sicché dopo aver firmato il contratto, mi trasferii nella nuova dimora, portando con me le mie cose, i libri e la seria intenzione di studiare. I primi giorni, lontano dal paese, ero un po’ triste, steso sul letto, mi rallegravano solamente le risa ed i gridolini delle mie coinquiline, che scherzavano fra loro nelle altre stanze. Una sera dopo circa una settimana dal mio trasferimento, una delle due entrò nella mia camera, si sdraiò a fianco a me sul letto e dopo aver chiacchierato un poco iniziò a baciarmi. Ad un tratto si alzò a cavalcioni e mi spinse il cavallo delle gambe sulla faccia. Non impiegai molto a capire che sotto la splendida donna alta 1,80m, magra, capelli lunghi biondi, con gli occhi chiari e con una voce molto sensuale si nascondeva una trans Infatti si spostò gli slip e iniziò a strofinare il suo enorme cazzone sulla mia bocca. Non avevo mai avuto contatti con trans. La situazione quindi era imbarazzante. Da un lato vedevo il corpo di una donna magnifica dall’altro però consideravo che era pur sempre un cazzo nerboruto che spingeva per violare le mie labbra. Voleva che le facessi un pompino, ma io non l’avevo mai fatto e non avevo certo intenzione di iniziare proprio quella sera, infatti tenevo serrate le labbra. Passarono pochi minuti ed arrivò anche l’altra trans. Meravigliosa anche lei, scura di pelle, con una quarta o quinta di seno, molto profumata e truccata, capelli corti ricci e neri, che indossava ed indossa sempre calze a rete autoreggenti e minigonne. Si sedette a cavalcioni sulle mie gambe, mi abbassò le mutante ed iniziò a farmi un fantastico pompino, era molto dolce nei modi, andava su e giù lentamente con la testa, lo leccava di lato e sulla punta, poi lo succhiava o gli dava tanti piccoli baci. Stavo impazzendo. Ad un certo punto aprii la bocca per il godimento che stavo provando e mi ritrovai immediatamente con il cazzo dell’altra trans tutto in bocca. Eccitato non potei rifiutare di fare il mio primo pompino. Con una mano tenevo l’asta e con la bocca andavo su e giù muovendo la testa. Sembrava che non avessi fatto altro nella vita, infatti sentivo ansimare dal piacere e vedevo l’espressione persa della trans. Mi fecero girare a pecorella, quindi mi ritrovai a spompinare il cazzo enorme della trans bionda mentre la trans nera mi leccava avidamente il buchetto - mai violato - del culo. Mi appoggiava l’ogiva del cazzo sul buco, ma non riusciva a penetrarmi. Continuava a leccarmi il culo ed passarci il lubrificante ma senza risultanti. Prese quindi una cremina dal bagno, specifica per le penetrazioni anali a base di vasellina, dilatante e antidolorifica e me la spalmò sull’ano, ma nemmeno ci riuscì. Quindi mi infilò un piccolo cuneo di gomma ed attese qualche minuto poi tenendomi per i fianchi mi infilò l’asta nel culo iniziando a pompare, questa volta ci riuscì facilmente. Mi scopava dapprima piano e poi sempre più forte, provavo un grandissimo godimento. Dopo pochi minuti, si diedero il cambio, passai a succhiare il cazzo della trans nera mentre la bionda con il suo cazzo enorme mi sfondava il culetto, che nel frattempo si era ben dilatato. Poi iniziammo a fare a turno, chi stava sotto prendeva un cazzo in bocca ed uno in culo. Devo dire che non solo il mio cazzo entrava benissimo nei loro culetti depilati, ma erano anche particolarmente brave perché ne accompagnavano i movimenti fino a farmi toccare le palle. Posso dire che è stata la mia prima vera scopata ed il caso ha voluto che la accadesse con due trans. Infine ci mettemmo a fare una specie di 69 a tre. Ognuna spompinava l’altra. Io facevo il pompino alla trans di colore, che arrivò per prima, riempendomi con 4 o 5 schizzi di sborra calda la bocca. Non la feci colare, la volevo assaggiare ed ingoiare tutta. Di fatto così feci, la tenni in bocca per un poco gustandola e sentendo il sapore e poi la ingoiai. Nel frattempo la trans bionda si alzò perché era pronta per venire. Ci fece mettere in ginocchio. Di fatti il modo di sborrare della trans bionda era diverso e molto più copioso. Aveva un cazzo enorme e la sborrata fu proporzionale alla lunghezza del cazzo, la trans nera evidentemente ne era a conoscenza, infatti aspettava avidamente con la bocca aperta mentre la bionda si segava per venire. Infatti le uscirono più di 10 enormi schizzi. La sborra era tanto bollente che credevo che mi sarei scottata il viso. Ci schizzò soprattutto sulla faccia e mi si creda doveva essere circa mezzo litro perché lo sperma finì dovunque, ci fece una abbondante e succosa doccia calda, mentre ridavamo contente sotto quella pioggia, iniziai quindi a leccare la sborrina che era finita sul seno della trans nera. Non potevo credere a me stessa, non mi rendevo conto di quello che stavo facendo, avevo perso ogni ritegno. Non ho mai raggiunto livelli così alti di eccitazione. Per ultimo arrivai io, dirigendo gli schizzi sulla faccia ed in bocca ad entrambe le trans. Ripeto è stata la prima vera scopata della mia vita, tanto da cambiare radicalmente i miei gusti per il sesso. Nei giorni seguenti, appurai che loro sono professioniste. Erano anche ben attrezzate, infatti nelle loro camere dipinte color fucsia, vi erano enormi televisori collegati via satellite a film porno 24h su 24, frigobar con liquori di ogni genere, riviste porno, oggetti fallici, addirittura un inginocchiatoio tipo gogna con catene per scopate anali, quadri porno ed altro e ricevevano per appuntamento. Scopate come quella purtroppo non si potevano ripetere spesso o perché non avevano tempo o perché la sera erano troppo stanche. Però a volte capita che si godono gli amici in libertà e mi invitano ai loro sexy-party. Significative sono state le orge con una coppia appena sposata, quella con 2 loro amici gay o quella con 2 amiche lesbo. Se lo chiedete vi racconto anche le mie orge con loro e con gli altri amici. Ora mi accorgo che passo il tempo a pensare al sesso, ho anche capito perché tutti gli studenti lasciano quasi subito quella casa: non si riesce a studiare con due trans che scopano e godono di continuo. Vi abbraccio. Andreas

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!