• Pubblicata il:
  • Autore: FERNANDO
  • Categoria: Racconti bisex
  • Pubblicata il:
  • Autore: FERNANDO
  • Categoria: Racconti bisex

LA MIA PRIMA VOLTA BISEX

Sono un 53enne con ancora un bel fisico, sposato da molti anni, con una vita sessuale alquanto normale,quella che vorrei raccontarvi é una storia vera (ne ho lette di tutti i colori qui) forse la mia non ha niente di speciale ma mi fa eccitare ogni volta che ci penso. Alcuni mesi fa per lavoro incontro un signore che chiamerò' Max alla fine del nostro incontro di lavoro decidiamo di bere qualcosa in un bar del centro, ci sediamo sulla terrazza e iniziamo a parlare del più e del meno del nostro lavoro senza risparmiare qualche occhiata alle belle signore che passavano li davanti. Ad un certo punto scorgiamo un signore sulla quarantina alquanto effeminato e io butto li un commento forse non troppo felice, ma lui prende la palla al balzo chiedendomi se fossi mai stato attirato da un uomo, io li per li rimasi senza parole, fu cosi che lui continuo' dicendomi che nella vita bisognerebbe provare prima di dare giudizi.Iniziamo cosi un discorso un po spinto per essere due persone che si erano appena conosciute, ma per farla breve alla fine gli dico che forse in una situazione particolare con anche la presenza di una donna forse mi farei tentare da un'esperienza bi (lo dicevo per non passare per uno chiuso). e li che il buon Max inizia a raccontarmi che lui con la moglie in tempi remoti avevano avuto esperienze in Club Scambisti poi con l'arrivo dei figli avevano mollato, ma che oggi con i figli grandi vorrebbero ripetere quelle esperienze. Francamente ho iniziato a balbettare ed ero rosso come un peperone, lui mi tranquillizza dicendomi di non essere in imbarazzo che siamo nel xxi secolo, che situazioni del genere si avverano tutti i giorni anche se non si vedono. Ci lasciamo io eccitato come pochi e lui con un sorriso stampato sul viso che sembrava mi prendesse per il culo. Mi saluta dicendomi che avremo potuto definire il nostro affare da lui bevendo un'aperitivo la sera dopo, io accetto e ci lasciamo. La sera dopo mi presento a casa sua verso le 19,00 mi viene ad aprire sua moglie circa 60anni ma ben conservata esile, con un bel seno in abiti inconsueti per una casalinga, collant neri tacchi a spillo e tailleur grigio con scollatura vistosa sul davanti. Mi accomodo in una sorta di studio iniziamo a discutere del nostro affare e lei era sparita ritornando circa mezzora dopo con una bottiglia di prosecco e salatini. La ringrazia facendo qualche commento spinto e quando lei lascia la stanza con mio grande imbarazzo mi chiede cosa ne pensavo di sua moglie, io un po per circostanza un po perché vero gli dico sei fortunato gran bella donna, e lui allora, con una bella donna cosi la proveresti la tua prima esperienza bi? Cavolo non sapevo cosa dire, ma quella donna era eccitante, ma la sarei fatta volentieri , ma lui cosa ci faccio con lui. Sarà il prosecco sarà che il cazzo iniziava a pulsare nei pantaloni diventai sfacciato e gli dissi certo che lo farei ! Si mise a ridere, pensai che mi avesse teso un tranello e che avevo fatto la figura del pirla, ma non fu cosi. Si alzo lasciandomi solo nello studio pochi minuti ma interminabili (avevo il cervello in fumo e non solo il cervello). Rientrano nella stanza tutti e due lei ancora vestita come quando sono arrivato e lui con una vestaglia di raso, nudo sotto, senza parlare si appoggia allo scrittoio e lei in ginocchio davanti a lui gli apre la vestaglia é inizia a succhiarlo. Ci mise un attimo a diventare duro il suo cazzo sotto i colpi di lingua di Anna mentre io guardavo sbalordito la scena (vista solo in qualche film porno) lui mi fa cenno di spogliarmi mentre lei continua a succhiarlo, io obbedisco e mi ritrovo nudo con l'uccello in mano e inizio a menarmelo avvicinandomi a loro. Max mi prende per un braccio invitandomi a mettermi accanto ad Anna lo faccio, lei si volta e m'infila la sua lingua in bocca umida e con un sapore strano, giochiamo con le nostre lingue per un po lei ogni tanto s'infilava il grosso cazzo di Max in bocca facendolo sparire, ad un certo punto mi dice "dai dammi una mano che mi sta stancando" spingendomi la testa verso il cazzo di Max. Ero in estasi ed iniziai a succhiarlo a turno ci buttavamo su quel cazzo teso sino a quando lui non schizzo nella bocca di Anna. Con mio stupore lei non ingoio' ina parte colava sul suo seno l'altra la trattenne in bocca venne verso di me e volle baciarmi.il seguito la prossima se non vi ho stancato.

Vota la storia:




24/07/2014 22:15

Camillo 2

Come te anch'io vengo qui per leggere soprattutto i commenti e per prendere per il culo k-kakka. Mi piace darle del CULATTONE e che la culattoneria è una malattia. Guarda che lui stesso ha ammesso di averlo preso nel deretano , cerca il racconto attorno al n.30/40 col titolo E' DONNA ANCHE COL PISELLO, lui commentandolo ammise la sua passione per il cazzo. Come vedi però continua ad affermare che sono un frocio e un pedofilo, poveraccio fa pena. Scrive in stampatello per dare più peso raglio, anche se l'avevo avvertiti che i ragli d'asino non arrivano in cielo, lui però ignora e, credo non ringrazi gli americani nonostante i miei ripetuti inviti. Ciao Max e stammi bene.-

24/07/2014 14:02

MAX

Per inciso,mi diverto di più a leggere i commenti che le storie,e non conosco i pregressi ne di K ne di Camillo,ma fosse per me,nei forni ci metterei sia i froci che i pedofili,che nel 99% dei casi,comunque sempre sono i froci,basta leggere la cronaca.

24/07/2014 13:57

MAX

No no,non sono Camillo,sono Max e basta e purtroppo se fai la conta non siamo cosi in tanti,visto che su 10 racconti 7/8 sono store di froci,che nemmeno si rendono conto di esserlo.

24/07/2014 04:54

k

Altro che uovo di colombo nel tuo culo ci passa quello di un dinosauro, FROCIO DI MERDA CHE NON SEI ALTRO CHE GUARDA CASO NON MANCHI MAI IN QUESTI RACCONTI DI FROCI COME TE LUMA E MAX (CHE PROABILMENTE SEI SEMPRE TU CHE FIRMI CON UN NIK DIVERSO PER FAR CREDERE CHE SIETE IN TANTI) PERCHE IO NON CREDO CHE CI SIANO PERSONE TANTO VISCIDE DA DAR RAGIONE AD UN PEDOFILO BASTARDO COME TE . E COMUNQUE RIFLETTI SEI SEMPRE PRESENTE RICORDALO FROCIONE DI MERDA CHE NON SEI ALTRO

23/07/2014 16:04

Camillo 2

Vedi MAX, io odio quando sbandierano orgogliosamente la loro malattia; Se vinceva Hitler per essere certo di debellarli alla radice, li sottoponeva alla PROVA DELL'UOVO ossia, misurava il diametro dello sfintere, un uovo di gallina NORMALE, di struzzo ANORMALE quindi Kaput. Al nostro k-kakka l'uovo di struzzo ci ballava eccome. PS: Per inciso preciso che per me si sarebbe faticato far entrare un ovetto di colombo. Pregate quindi, pregate.

22/07/2014 14:53

MAX

Piu che stancato a me che non sono il tuo max cula ,mi hai schifato. come dice Camillo,ringrazia anche tu gli americani

05/08/2014 17:50

Camillo 2

X Max - Per aiutarti a trovare il racconto LA DONNA E'... vai al n. 30 dell'elenco racconti OK? Ciao e buon divertimento

05/08/2014 17:41

Camillo 2

X Max Caro Max in risposta al tuo commento del 24/7 scorso nel quale dici che non conosci i miei e i suoi pregressi. Ho fatto un "copia e incolla " di un uo commento Leggi e inquadra bene che tipo di essere è questo k-kakka. Giudica a che livello di nefandezze lui esulta. NOTA:se vuoi ridere leggi tutti i commenti del racconto LA DONNA E' DONNA ANCHE COL PISELLO e divertiti.- Da: k Data: 02/07/2012 alle 8.41.03 Messaggio: POI MI SONO DIMENTICATO DI AGGIUNGERE CHE IO NON VOLTO MAI LE SPALLE PERCHÈ STÒ SEMPRE SDRAIATO SULLA SCHIENA A PANCIA IN SÙ COSÌ GUARDO NEGL'OCCHI LA MIA MERAVIGLIOSA DONNA CAZZUTA LEI MI ALZA LE GAMBE POI METTE L'ANGOLO DEI SUOI GOMITI SOTTO L'ANGOLO DELLE MIE GINOCCHIA COSÌ MI TIENE BEN SOLLEVATE LE GAMBE E QUANDO APPOGGIA LA CAPPELLA SUL BUCHINO (SI FÀ PER DIRE) E COMINCIA A SPINGERE MI GUARDA FISSO NEGL'OCCHI , POI QUANDO L'AFFONDA TUTTO DENTRO A OGNI COLPO CHE MI DÀ COL LA LINGUA MI ROVISTA LE TONSILLE. DI LA VERITÀ SEI UN POCHINO INVIDIOSO?

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!