L'interrogatorio a Ferrara

Mi chiamo Veronica, una ragazza di 26 anni... Vivo da qualche anno a Ferrara, dove ho conosciuto il mio attuale uomo non lo definisco compagno, fidanzato ecc ecc perché per me lui è tutto e non esiste un'etichetta per quello che lui significa per me ne tanto meno per quello che siamo l'uno per l'altro... Abbiamo sempre avuto un rapporto bassato sulla sincerità, ma da alcune settimane avevo iniziato a sentire il suo distacco e non capivo il perché, andava tutto bene tra noi, eravamo complice, amici, amanti... con lui esperimentavo ogni cosa mi passassi per la testa, ci facevo l'amore e ci scopavo forte..! Dopo alcuni giorni di rotto dove non riuscivamo ad arrivare da nessuna parte con il dialogo ho deciso di cambiare metodo... glie lo proposto e lui ha accettato come ogni mia proposta... anzi no il culo non accetta di darmelo quindi alcuni no me li sono presi... Ma torniamo al dunque... Con il dialogo io dicevo A e lui capiva B, mentre lui diceva B ed io capivo A,C,D,E,F capivo tutto l'alfabeto tranne la B... Allora gli chiedo di sottomettersi ad un interrogatorio, lui accetta, iniziamo le trattative prima del giorno fatidico... Poi arrivato alla sera dell'interrogatorio, mi preparo psicologicamente per farmi del male e tiro fuori il mio lato masochista... Lui arriva da me... lo porto fuori casa dove avevo più spazio, lo guardo fisso negli occhi e vedo il terrore nel suo sguardo... Mi eccita vederlo cosi... ma dovevo trattenermi, nonostante avesse una voglia pazzesca di sbatterlo a letto e scoparlo dovevo controllarmi, ma sapevo che dopo le sue risposte non avrei più avuto quella voglia pazzesca... avevo paura delle sue risposte, avevo paura di quanto potessi farmi male quelle risposte che tanto bramavo... ma ormai era tardi, lui era li, quelle domande sarebbero rimaste nella mia testa se non le avesse fatte... e se le avessi fatte come ho sempre fatto lui mi avrebbe risposto come mi ha sempre risposto, con delle risposte da avvocato del diavolo, rispondeva con un'altra domanda, insomma riusciva sempre a non darmi una risposta... Quindi all'interrogatorio gli ho detto che poteva rispondere soltanto si o no...
Gli lego i polsi, in alto sopra la testa... aveva ancora la maglietta addosso, mi chiede come avrei fatto a frustargli la schiena se aveva ancora la maglietta... gli ho detto di non preoccuparsi, vado in cucina, prendo le forbice, faccio il primo taglio vicino al suo collo, vedo che inizia a sudare... fatto il primo taglio tiro strappandogli via la maglietta di dosso... e cazzo ancora quel pettorale, ancora quel tatuaggio, ancora quelle spalle... era fottutamente bello... mi mordo le labbra, lui capisce la mia debolezza nel vederlo a dorso nudo... inizio a toccarlo... ammirando quelle spalle che tanto amavo, mi avvicino e inizio a baciarlo, il collo... pian piano scendo... lui stringe il pugno, sento sotto il suo pantaloncino il desiderio che provava per me... arrivo al suo capezzolo, lo bacio... lo lecco...e poi... ahhhh lo mordo... adoravo morderlo e questo lo faceva imbestialire! Ma era bello anche imbestialito e a me il rischio è sempre piaciuto... Prendo la sua maglietta che avevo appoggiata sopra una sedia dopo averglielo strappato di dosso, la apro a metà e uso una metà per chiuderli la bocca e l'altra per chiuderli li occhi... poi lo giro con la schiena rivolta verso me... ammiro la sua schiena, la tocco, la sfioro con la bocca, piccoli baci e piccoli morsi... vedo la sua pelle gonfiarsi, ma non era l'unica cosa gonfia in quel momento... ed io godevo... ma il mio godere non avrebbe durato molto... Mi allontano dal suo corpo e vado a prendere le fruste... Lui sente i rumori senza capire cosa stessi per succedere... prendo 3 fruste diverse... parto con la prima, quella che fa meno male ovviamente, volevo preparare la sua pelle prima di sfogarmi su di lui... Faccio domande facile, come "Adesso vorresti scoparmi?" oppure "Sono la tua donna Cosi pian piano lui rispondeva ed io lo fustigavo, in modo delicato... Poi cambio frusta prendo il flagello... li inizio con le domande più pesanti... e ad ogni risposta che non era di mio gradimento lo fustigavo con più forza, ma era ancora tutto sotto controllo... quelle domande potevo sopportare... finito quelle lui aveva già tutta la schiena rossa e segnata, dove avevo colpito era gonfio... ma c'era ancora del margine... tiro fuori la mia bellissima Bull Whip... torno da lui, mi avvicino al suo corpo, lui sente il mio respiro caldo vicino alla sua pelle... tocco le parti gonfie della sua schiena e gli sussurro all'orecchio: "Ora ti cederanno le gambe, ma io non mi fermerò finche non mi dirai TI AMO e dovrai urlarlo in modo che tutto il vicinato possa sentirlo!" Gli libero la bocca, lo bacio, un bacio delicato, soltanto nel labbro inferiore, resto li vicino alle sue labbra sentendo il suo respiro affannoso, assaporando il gusto salato del suo sudore che gli era collato sulla sua bocca e sulla mia... gli accarezzo il viso, in modo delicato e tenero... poi mi allontano... torno dietro di lui... e inizio a girare la frusta in alto... lui sente il rumore, era bellissimo.... Faccio la prima domanda... una domanda che già sapevo la risposta, ma volevo che lui provassi subito la frusta... volevo che capisse a cosa stava andando in contro e gli chiedo "Ti farai inculare da me?" Lui subito mi risponde, "NO!" aumento la velocità nel polso, girando sempre più forte la frusta... la faccio schioccare visino all'orecchio a cui gli avevo sussurrato che per fermarmi avrebbe dovuto urlare di amarmi... Lui si spaventa con il rumore e con la vicinanza al suo viso... Faccio un'altra domanda... volevo colpirlo quindi gli chiedo spudoratamente se era vergine... si lo so era una bastardaggine ma volevo colpirlo... Lui risponde di "NO" e sapeva che pensare a lui che abbia avuto altre donne prima di me mi faceva schifo, quindi inizio a girarla nuovamente, la faccio girare vicino a lui al suo corpo e vedo che stringe il pugno, mi allontano e colpisco! Lui si mette in punta dei piedi con il colpo, mi avvicino per vedere il danno e capire quanta forza potevo metterci, vedo il segno della frusta ma con tanto dispiacere non vedo la sua pelle squarciata... Ci riprovo ancora... altre 3 domande altre 3 risposte che non erano di mio gradimento, altre 3 frustate ma niente sangue... Allora faccio l'unica domanda che mi avrebbe fatto caricare il colpa al massimo della mia forza nel caso fosse stata negativa... e lui... beh lui a quella domanda ha risposto di no... Temevo quella risposta più di qualsiasi altra risposta... Ma sapevo che sarebbe stata negativa... in quel momento sento un nodo in gola, gli occhi che si riempiono di lacrime, trattengo il pianto e vedo lui che abbassa la testa, in quel momento sapeva di avermi delusa, di avermi ferita... inizio a girare nuovamente la frusta in alto, sempre più forte e veloce, chiudo gli occhi, visualizzo nella mia mente come sarebbe stato se avesse risposto di si, sogno, fantastico, sento la gola sempre più chiusa... Apro gli occhi e lascio che la frusta faccia il suo lavoro, vedo il suo sangue schizzare sul mio muro bianco, vedo le sue ginocchia piegare e lui rimane appeso soltanto dalle corde che avevo utilizzato per legargli i polsi... Lascio cadere la frusta per terra, corro verso di lui e lo sollevo abbracciandolo, scoppio a piangere e lui capisce che quella domanda tra tutte quelle che gli avevo fatto quella sera era l'unica che mi avrebbe potuto fare del male... lo slego... sorreggo il peso del suo corpo e lo accompagno in doccia... facciamo una doccia calda insieme e li vedo il suo sangue scorrere nel mio piatto doccia... ero dispiaciuta, non avrei mai voluto fargli del male... rimango abbracciata a lui sotto la doccia e poi lo porto a letto... lo tengo stretto a me tutta la notte e vedo lui che si addormenta tra le mie braccia come un bambino... Lo guardato per tutta la notte... non sono riuscita a chiudere gli occhi nemmeno per un attimo, guardavo la sua pelle gonfia, le ferite... Quella notte prometto a me stessa che mai più avrei fatto del male a lui, in nessun modo, ne per nessuna ragione....

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!