• Pubblicata il:
  • Autore: Dott feticista
  • Categoria: Racconti fetish
  • Pubblicata il:
  • Autore: Dott feticista
  • Categoria: Racconti fetish

PIEDINI AFRODISIACI

Vi racconto una serata indimenticabile al privè. Ho 55 anni, robusto e abbastanza dotato, amante dei piedi femminili, mia fonte principale di godimento. Una sera vado al privè, non ci vado spesso perchè è molto dispendioso frequentarlo da single, c'era però una serata fetish con spettacoli ma anche con coppie non professioniste. Ho socializzato subito col gruppo dei single, poche persone e molto selezionate, le coppie all'inizio sono rimaste in disparte. L'ho vista subito: 25 anni circa, capelli lisci, occhiali da vista, mi dava l'idea di una timida, fuoriluogo nel locale però aveva un non so che di malizioso, forse il vestitino corto, il seno piccolo che si intravedeva o il fondoschiena pronunciato. E poi un paio di sandali alla greca, con tacco molto alto e piedini smaltati. Mi sono innamorato subito! Per circa un'ora l'ho guardata, lei parlava con suo marito, non mi era sfuggita la fede, un bel ragazzo che sembrava molto a suo agio nell'ambiente. Ho pensato che fossero li per lo spettacolo e per bere qualcosa in un posto diverso dal solito. Quando l'atmosfera è diventata più calda le prime coppie si sono dirette nei salottini. L'ho curata per mezz'ora poi persa di vista, ero convinto che se ne fosse andata ma dopo poco ho intravisto il marito al bancone. Non volevo crederci, era in un privè. Ho chiesto informazioni a un frequentatore il quale mi ha detto che l'aveva vista una sola volta ma che era una delle più gettonate. Ero indeciso su cosa scrivere per accedere al privè, mi sono limitato a "sei meravigliosa, posso guardarti?". Dopo pochi minuti è uscito un single dicendomi che ne valeva la pena e io ho ottenuto il permesso di entrare nel privè. Avevo il cuore a mille, ho rischiato però un infarto quando ho visto lei nuda sul letto circolare con indosso solo i sandali. Il marito mi ha spiegato le regole del gioco, io ero al settimo cielo. Mi sono spogliato, lei ha sfilato lentamente i sandali, ero seduto di fianco a lei, durissimo. Ho sentito i piedini morbidi e caldi sul cazzo. Mi vergognavo ma ho dichiarato dopo poco che stavo per godere. Solitamente sono resistente, ma lei con la figa aperta e i suoi piedi sul cazzo mi stava facendo esplodere. Rivedo la scena nella mia mente. Ha tolto i piedi dal cazzo e me li ha messi in faccia, erano caldi e odorosi al punto giusto, piedini afrodisiaci. Ero eccitatissimo. Ho sentito la sua mano umida che avvolgeva il cazzo duro e si muoveva velocemente. Appena mi ha chiesto se volevo sborrarle in bocca o nel culo ho schizzato come non mai. Almeno dieci fiotti caldi di sperma sono colati ovunque. Lei poi ha giocato ancora coi suoi piedini sul mio cazzo ormai floscio. Mi sto ancora chiedendo se avessi resistito avrebbe ingoiato o si sarebbe fatta inculare realmente...

Vota la storia:




27/02/2013 05:34

Dott feticista

ciao Gigi,scrivimi a porcofeticista@libero.it che ti dico tutti i dettagli che vuoi.

25/02/2013 11:32

Gigi

complimenti per la storia. dimmi dove è il prive la voglio leccare e godere anche io.

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!