• Pubblicata il:
  • Autore: Michele
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Michele
  • Categoria: Racconti etero

Inmcontri trasgressivi

Spesso dopo lavoro vado a bere l'aperitivo in un bar della mia adorata città che è Latina e ultimamente frequento un locale dove la titolare è una meravigliosa ragazza che fin dal primo momento mi ha colpito.... Col passare dei giorni da un rapporto barista-cliente siamo entrati sempre più in coonfidenza fino a che si è trasformnmata in una vera e propia relazione che purtroppo non è accettata ne dai suoi genitori ne da suo fratello... Io sono una persona che non molla facilmente, quindi continuai a coltivare questa relazione anche se nella vita di tutti i giorni quando sono nel suo locale devo fare finta di niente!!! Giorno dopo giorno il nostro rapporto diventò sempre più intenso, ci sentivamo tutti i giornoi messaggiandoci al cellulare e alla sera con telefonate che minimo duravano delle mezzore... La voglia di sentirla diventava sempre più un bisogno, quando un giorno mentre bevevo il mio aperitivo nel suo locale lei si avvicinò, mi chiese se alla sera sarei andato a trovarla a casa sua; rimasi sbalordito da questa inusuale richiesta ma chiaramente accettai!!! Arrivata la sera andai da lei, un pò agitato ma anche molto contento, come da accordi gli feci uno squillo, lei scese ad aprirmi e io furtivo e silenzioso come un ladro entrai e la seguii fino in camera sua... Era una situazione strana, anomala, ma per lei ero e sono disposto a fare tutto, anche se era un rischio rimanere li, non aveva prezzo la sua presenza, nel parlare, nel coccolarci e nel fare sesso eravamo troppo simili.... Dopo un po di chiacchere iniziammo a coccolarci per poi finire a fare del meraviglioso sesso, anche se al primo pisano di casa sua nelle camere dormivano suo fratello e suo cugino stare in sua compagnia era come essere in paradiso e farlo in quella situazione era ancora più eccitante; all'inizio questa situazione si ripeteva una o due volte alla settimana fino a quando la frequenza diventò sempre piàù frequente tipo tre o quattro volte alla settimana, addirittura andavo in bagno con lei, una volta abbiamo anche fatto la doccia insieme sempre senza che nessuno sapesse della mia presenza in casa, un giorno mi comprò pure lo spazzolino da denti perchè quando la andavo a trovare non mi accontentavo di stare li quallche ora ma dormivo propio li... I mesi passavano e noi eravamo sempre più legati e un girno mentre ero al suo locale lei mi chiese il mazzo di chiavi di casa mia e ci attaccò quella di casa sua... Entravo a casa sua alla sera prima che lei smontasse dal turno e la aspettavo in camera, sempre molto attento, ma sembrava una situazione irreale, per lei ero e sono disposto a tutto, affronterei il divolo in persona e atteaverserei l'intero deserto scalzo pur di rimanere insieme a lei... Ero così convinto che non mi spaventava niente, arrivammo al punto che alla sera quando rientrava sua madre che gli veniva a dare la buona notte io rimanevo in piedi dietro la porta fin che non se ne andava.... Le prime volte avevo il cuore in gola, pensavo sempre a cosa poteva accadere se mi avessero trovato in casa loro abusivamente e sopratutto in una di quelle volte che la aspettavo solo in camera sua, ma era l'unica maniera per vederla visto che lavorava dalla mattina alla sera, ormai il vederci una volta ogni due o tre mesi non ci bastava più... e quello era il rimedio!!! I giorni passavano fin che arrivò la volta in cui sua madre entrò in camera per la seconda volta a prendere il piumone nel suo armadio.... entrò, io mi nascosi sotto le coperte lasciando fuori un pezzo.... Quella sera finì con me che scappavo giù dalle scale mezzo nudo con la madre che mi inseguiva insultandomi e non solo....

Vota la storia:




16/06/2018 15:46

paolocx

Attenzione : un altro cazzaro comico!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!